IO NON HO VOTATO PER MATTEO RENZI come SEGRETARIO PD (e neppure come PRESIDENTE DEL CONSIGLIO)

domenica 8 novembre 2009

Diritto dei genitori ad educare i figli secondo le proprie convinzioni

tratto da: http://it.reuters.com/article/topNews/idITMIE5A20C220091103
Corte europea per diritti uomo dice no a crocefissi in classe
martedì 3 novembre 2009 12:37

MILANO (Reuters) - La Corte europea per i diritti dell'uomo di Strasburgo ha stabilito oggi che la presenza dei crocefissi nelle aule scolastiche costituisce ''una violazione del diritto dei genitori ad educare i figli secondo le loro convinzioni e del diritto degli alunni alla libertà di religione''.
Secondo la corte, "la presenza di un crocifisso può essere facilmente interpretata dagli studenti di tutte le età come un segno religioso e far sentire loro di essere in un ambiente scolastico che influenza" le scelte legate alla religione, si legge nella sentenza, pubblicata sul sito della Corte.
"La libertà di non credere in nessuna religione non è limitata all'assenza di servizi religiosi o di educazione religiosa: è estesa alle pratiche e ai simboli che esprimono un credo, una religione o ateismo", spiega la sentenza.
"Questa libertà merita particolare protezione se (...) ciò che esprime un credo è piazzato in una situazione che non si può evitare, o si potrebbe farlo solo attraverso sforzo e sacrificio sproporzionato".
Il ministro dell'Istruzione Mariastella Gelmini ... (Ndr: ometto le Sue dichiarazioni, a mio giudizio poco interessanti)
A rivolgersi alla Corte era stata Soile Lautsi, donna di nazionalità italiana residente ad Abano Terme. Nel 2001-2002, i suoi due figli di 11 e 13 anni frequentavano la scuola "Vittorino da Feltre" della cittadina in provincia di Padova, dove era presenti i crocifissi.
Secondo la donna, la presenza dei crocifissi è contro la laicità dello Stato e aveva chiesto di toglierli dalle aule, dando il via ad una serie di ricorsi davanti ai tribunali italiani, compreso il Consiglio di Stato, che ne 2006 respinse il suo appello sostenendo che il crocifisso è diventato uno dei valori laici della costituzione italiana e rappresenta i valori della vita civile.

Nessun commento: